fallback-image

Condizionatore portatile

Per riuscire a climatizzare gli ambienti di una casa, o anche di un ufficio, cosa molto importante per il comfort di ognuno di noi soprattutto in estate, possiamo scegliere un condizionatore portatile.

I vantaggi dell’aria condizionata ovviamente, come sappiamo, sono molteplici. Sicuramente tra questi ritroviamo quello di poter controllare il livello di umidità e anche la salubrità dell’aria. In alcuni casi non è sempre possibile andare ad installare però un impianto di climatizzazione fisso, dato che magari l’ambiente da climatizzare ha uno spazio ristretto.

Il climatizzatore portatile ha tra le sue caratteristiche primarie, la grande comodità di essere mobile e quindi non fisso. Tutti i condizionatori di questo genere possono disporre di ruote, fattore che li rende davvero comodi per essere trasportati in qualunque stanza della casa, a seconda della necessità poi possiamo anche riscaldare o solo raffreddare gli ambienti. Tutti i condizionatori portatili dispongono effettivamente di un tubo che occorre collocare all’esterno della casa e che ha anche la funzione di espellere l’aria calda aspirata dagli stessi ambienti. Questo succede perché hanno un meccanismo che funziona in una maniera simile a quella dei condizionatori fissi, perciò per rinfrescare l’aria gli è necessario espellere l’aria calda dagli ambienti.

Anche per i condizionatori portatili può essere utilizzato il ciclo termodinamico con l’impiego di un fluido termovettore, il gas. A differenza dei modelli che troviamo fissi in commercio e che dispongono di due elementi:unità Interna (Split) e l’unità esterna (il motore), i condizionatori portatili invece hanno un unico blocco, che ha al suo interno gli elementi di cui necessita.

Quindi troviamo la ventola, lo scambiatore di calore e lo stesso motore. Quest’ultimo particolare è quello che a volte può causare un rumore eccessivo, aspetto da considerare in un possibile acquisto dell’elettrodomestico.

Nei climatizzatori portatili la ventola spinge l’aria fredda e quindi l’umidità invece diventa condensa, perciò l’acqua che si raccoglie in una tanica andrà svuotata. In questo modo l’aria calda passa attraverso il tubo, tubo che dovremo far uscire esternamente dall’abitazione. Solitamente si utilizzano una serie di adattatori per le finestre per agevolare questo passaggio e non fare dei lavori di coste eccessivo.

Se volete scoprire prezzi, vantaggi e svantaggi vi consiglio di consultare il sito https://condizionatoremigliore.it/

admin

Related Posts

fallback-image

Manutenzione e sicurezza in un tritacarne

fallback-image

Tappeti elastici con rete di protezione: meglio esterna o interna?

fallback-image

Modelli di condizionatore sul mercato

fallback-image

Macchina da caffè, come usarla per un espresso da 10 e lode